Come coltivare il proprio talento - TalentUS
612
post-template-default,single,single-post,postid-612,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

Come coltivare il proprio talento

Come coltivare il proprio talento

Immaginiamo di aver trovato il nostro talento, cosa dobbiamo fare per svilupparlo in una competenza solida?

Sicuramente dobbiamo essere disposti a lavorare sodo.

Cosa occorre fare concretamente?

  • Ampliate il vostro sapere
  • “Esercitate” il vostro talento
  • Allenate la vostra mente “razionale” e non
  • Ampliate la vostra rete sociale
  • Cercate di Superare le vostre paure 

Rispettate la complessità del vostro talento

Fermo restando che avete individuato il vostro talento, è di fondamentale importanza che voi continuiate ad informarvi il più possibile a riguardo, per essere sempre aggiornati ed evitare di restare indietro.

Sappiate infatti che più saprete di un’attività, di una capacità o di un settore e più avrete da imparare.

Ma sicuramente in questo modo sarete sempre più in grado di padroneggiare il vostro talento, affrontando varie sfide e confronti vari, avendo dietro una buona preparazione.

Passate dalla teoria alla pratica

Credete di saperne quanto basta? Siete pronti a mettere in pratica quanto imparato? Dedicatevi due ore al giorno al vostro talento. Solo una persona che si impegna, che si tratti di uno sport, un’arte o un’altra attività, può sviluppare davvero il proprio talento.

Insomma, il segreto è agire.

Sai di essere bravo a disegnare? Esercitati ogni giorno.

Pensi di essere un buono scrittore? Allora scrivi, anche poco alla volta, ma scrivi. 

Coltivate il vostro alto potenziale cognitivo-emotivo

Provare a coltivare il proprio talento, significa quasi sempre anche scontrarsi con difficoltà e momenti di paura.

Cosa occorre fare in questi casi? Cercate di liberarvi dai vostri timori. Non scoraggiatevi, anche quando pensate di non avere nulla di speciale, investite su voi stessi e accettate le vostre paure come un ostacolo da superare.

Che supererete cercando di conservare una mente libera e progettuale, usando il ragionamento, ma al tempo stesso non abbandonando il vostro istinto e le vostre sensazioni. Ascoltate il vostro intuito con intelligenza, dunque.

 Circondatevi di gente talentuosa

Come ben sappiamo, l’ambiente circostante e le persone che ci circondano hanno un’alta incidenza su di noi, ma anche sullo sviluppo del nostro talento. Se avete una dote o sperate di svilupparla, allargate la vostra sfera sociale, circondatevi di individui in gamba e considerateli come modelli comportamentali.

Ispirarsi a loro, alle loro abitudini e al loro modo di coltivare il loro talento, può aiutarvi ad annaffiare il vostro di talento.

Cercate per esempio di trovate un tutor o mentore che sia disposto a insegnarvi e guidarvi nello sviluppo di nuove capacità.

Poiché il talento, in linea con quanto detto sin’ora, è la nostra essenza, rappresenta la nostra reale natura, la nostra unicità.

La nostra scelta, quella che abbiamo deciso di curare, amare e fare crescere.

E voi, cosa siete disposti a “scegliere”?