Il talento di Lino Banfi, pop e grandi risate

lino banfi

Uno dei più amati attori italiani, ha fatto ridere intere generazioni. Il talento di Lino Banfi è proprio quello di coinvolgere davvero tutti!

Una delle parole più usate quando si parla di prodotti mediatici, ma anche di arte che vuole parlare al presente, è pop. Ciò che stupisce, affascina e fa passare del tempo felice. Che altro non è che l’abbreviazione di popolare, vicino al popolo, che sa farsi amare da tutti, in qualsiasi contesto e senza distinzione. Questa potrebbe essere la descrizione di molti artisti amati, ma di alcuni è la caratteristica più nota ed efficace. Non è semplice come sembra, è un vero e proprio talento. In particolare, è il talento di Lino Banfi
 

Il talento di Lino Banfi nella sua biografia

Forse non sai che Lino Banfi all’anagrafe si chiama Pasquale Zagaria, ed è nato ad Andria il 9 luglio 1936, per cui astrologicamente è nato sotto il segno del Cancro. Il talento di Lino Banfi è multiforme, perchè l’attore pugliese è anche comico, sceneggiatore e protagonista televisivo. La sua storia è anche la dimostrazione della tenacia e della forza che deve avere il talento anche di fronte agli ostacoli della vita. L’attore che in molti amano nelle vesti di nonno Libero, infatti, era nato in una famiglia povera, e dovette faticare molto per realizzare i suoi sogni. Le difficoltà economiche lo toccarono anche quando già aveva deciso di fare l’attore: da disoccupato dovette chiedere persino l’elemosina.

I suoi genitori lo avrebbero voluto prete, e proprio per questo entrò in seminario da ragazzino. Fu però espulso in V ginnasio perchè era un ragazzo molto impertinente: già allora – racconterà molti anni dopo – il vescovo aveva capito che il talento di Lino Banfi sarebbe stato fare ridere le persone. Non senza fatica: gli capitò ance di dormire in stazione: nel 1955, quando gli fu consigliato di farsi ricoverare in ospedale pur di avere un posto dove dormire. Pare sia stato un incidente a farlo aumentare di peso all’improvviso e perdere i capelli, tanto da diventare irriconoscibile ai suoi stessi famigliari in pochi mesi. Caratteristiche, queste, che Lino Banfi ha saputo trasformare in punti di forza: la sua figura simpatica lo ha reso un amatissimo caratterista. La sua storia dimostra che il talento è, soprattutto, perseveranza.
 

Il talento di Lino Banfi e una carriera fortunatissima

La costanza e il talento di Lino Banfi lo hanno portato a recitare in oltre cento film, a cui vanno aggiunte le fiction e il lavoro in televisione. Fu Totò a convincerlo ad adottare il cognome d’arte Banfi invece del primo pseudonimo, Lino Zaga. Il principe della risata, infatti, sosteneva che accorciare il proprio nome anagrafico portasse sfortuna. Fu come Lino Banfi, quindi, che il giovane comico debuttò sui canali della Rai negli anni 60, insieme a Renzo Arbore. Nel decennio successivo, invece, esplode il suo talento nel cabaret, nelle sue affollatissime serate al teatro Sancarlino di Roma. Nel frattempo, l’incontro con il duo comico di Franco e Ciccio lo fece affacciare al cinema, partecipando ai film del duo degli anni Settanta.

A questo punto, il talento di Lino Banfi è evidente, e lo rende protagonista di un filone molto popolare, quello della commedia sexy all’Italiana. Banfi è amatissimo dalla gente ma molto meno dalla critica, anche se è proprio il suo talento a spingere molti a un rivalutazione – oggi – di quei film quando non del genere.  Da questo punto in poi, Lino Banfi diventa un simbolo del genere comico. Lavora quindi con i più grandi registi italiani e crea personaggi comici rimasti nell’immaginario popolare degli anni Ottanta. Basti citare il celeberrimo Oronzo Canà protagonista dell’Allenatore nel pallone (1984) Arriva invece nel 1997 il personaggio di Nonno Libero, nella fiction “Un medico in famiglia”. Una delle tante a cui Banfi prenderà parte soprattutto negli ultimi due decenni, ma quella che sicuramente lo porta nelle case di moltissimi italiani, rendendo la sua immagine popolare per diverse generazioni.
 

Il talento di Lino Banfi: la creazione del personaggio

Quando si pensa al’attore pugliese lo si associa subito alla grande popolarità di massa, ai personaggi assurdi e divertenti. Il talento di Lino Banfi, però, non sta soltanto nell’aver saputo far ridere tanta gente. Come scrive l’Associazione dolcevita, infatti, Banfi ha “inventato di sana pianta un genere, un personaggio, dei modi e una intera situazione socio-culturale tipica di una grossa fetta d’Italia”, accostando il suo lavoro a quello di Alberto Sordi con la figura del romano.

Il talento di Lino Banfi è poi molto legato alla sua regione, che nella parlata e nei modi diventa protagonista nazionale. Di, scrive ancora l’associazione, “una comicità inusuale, del tutto personale, che si avvale di detti, modi di dire e giochi verbali, contaminati qua e là dal dialetto pugliese. Una comicità irruente e arricchita da una parlata buffa e originale”. Una novità, per la commedia di allora, che dimostra che talento significa soprattutto inventiva, e capacità di fare delle proprie caratteristiche e appartenenze un punto di forza!

 

Contattaci per una Consulenza di Orientamento sul Potenziale


Grazie a TalentUS, è possibile sciogliere i dubbi chiedendo una “Consulenza di Orientamento sul Potenziale del Talento” per il proprio figlio.

TalentUS è la prima e unica piattaforma che ti mette subito in contatto con un esperto del talento per ricevere un consulto professionale.

Che aspetti? Prenota ora la tua consulenza di orientamento.

Compila il form per richiedere una prima Consulenza di Orientamento.

     

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *